Ristrutturazioni Edilizie - Agevolazioni Fiscali con Detrazione Fiscale
RIMBORSO STATALE - BONUS DEL 50 %


Anche nel 2014 sarà possibile risparmiare ristrutturando casa attraverso le detrazioni fiscali che possono arrivare anche oltre il 50% delle spese effettuate. I bonus sono previsti per legge sugli interventi di ristrutturazione che tengano conto di un effettivo risparmio energetico e grazie anche ai bonus mobili previsti nella legge di stabilità 2013/2014. Tra le principali novità della legge di stabilità 2013-2014 c'è proprio la proroga fino al 2015 del bonus. Rimane dunque in vigore la detrazione fiscale del 50% per un importo massimo di 96.000 euro. Nel 2015, tuttavia, il bonus scende al 40%. In tutti i casi la detrazione va distribuita in 10 annualità di uguale importo.

In parallelo è stata conferma la detrazione fiscale del 65% per gli interventi di riqualificazione energetica degli edifici. Anche in questo caso è prevista una diminuzione, ma al 50%, per gli interventi eseguiti fra il primo gennaio 2015 e il 31 dicembre 2015. Per tutto il 2014 inoltre, rimarrà in vigore la possibilità di risparmiare fino al 50% anche per le spese sostenute per l’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici di classe energetica non inferiore ad A+ e di letti, armadi, cassettiere, librerie, scrivanie, tavoli, sedie, comodini, divani, poltrone, credenze, materassi, apparecchi di illuminazione e grandi elettrodomestici come frigoriferi, congelatori, lavatrici, asciugatrici, Tratto lavastoviglie. Sono invece esclusi dalle agevolazioni strumenti come il televisore e il computer. Per accedere alle detrazioni, in qualunque caso, i pagamenti dei lavori all'impresa che li svolge deve avvenire tramite bonifico bancario nel quale risulti la specifica causale e i codici fiscali di entrambe le parti.

Interventi ammessi:


  • Definizione manutenzione ordinaria
  • Definizione manutenzione straordinaria
  • Definizione restauro e risanamento conservativo
  • Definizione ristruttrazione edilizia

Il pacchetto delle detrazioni 55% scade il 31 dicembre 2013.


Ciò significa che a partire dal 26 giungo 2012 si può ricorrere al nuovo 50% anche per le opere finalizzate al risparmio energetico e all'installazione di impianti a fonti rinnovabili. Questi interventi sono validi per la detrazione anche in assenza di opere edilizie propriamente dette, acquisendo "idonea documentazione attestante il conseguimento di risparmi energetici in applicazione della normativa vigente in materia".
Ancora non è chiaro se "la normativa vigente in materia" dovrà essere la stessa applicata per le detrazioni del 55% o le opere finalizzate al risparmio energetico potranno usufruire delle detrazioni applicando i più semplici adempimenti previsti per le detrazioni 50% (ex 36%). Un chiarimento in merito è probabile che verrà dall'Agenzia delle Entrate.

Quando è possibile usufruire delle detrazioni 55% :


  • L'edificio deve già avere, prima degli interventi, un impianto di riscaldamento.
  • Tutte le detrazioni fiscali 55% - tranne una - si riferiscono sia ad edifici che a parti di edifici, cioè a singole unità immobiliari.
  • Il beneficiario deve essere un soggetto fiscalmente attivo, cioè un soggetto che paga le tasse.
  • Non va confuso l'aspetto fiscale della propria pratica (e la relativa comunicazione all'Agenzia delle Entrate), con quello di comunicazione all'Enea.

IVA (Imposta sul Valore Aggiunto) "deducibile".
Con Applicazione Aliquota Iva del 10% o 4% pensionati fascia.


Scroll Up
Scroll Down